Si è constatato che, con sempre maggiore frequenza, in occasione di accessi nelle aree scolastiche i genitori/affidatari degli allievi sono soliti portare con se cani ed altri animali domestici, d’affezione o di compagnia.

La presenza dei predetti animali, pur con le cautele e le attenzioni messe in atto dai loro proprietari o conduttori, può comportare situazioni di rischio per il personale e gli allievi derivanti da: parassiti, peli allergizzanti, deiezioni ed aggressioni.

In considerazione del fatto che la scuola, al pari di ospedali ed asili, è un luogo “sensibile” espressamente citato nelle ordinanze del Ministero del Turismo come luogo in cui è vietato l’ingresso di detti animali, a tutela della salute e della sicurezza degli allievi e del personale scolastico:

E’ fatto divieto di introdurre all’interno del perimetro scolastico

qualsiasi animale domestico, d’affezione e di compagnia

indipendentemente dalla taglia e dalle cautele (guinzaglio, museruola) adottate.

Il personale scolastico preposto al controllo degli accessi, ha il compito di non consentire l’accesso a chiunque rechi con sé qualsiasi animale, con la sola eccezione dei cani guida per non vedenti in accompagnamento del loro conduttore.